Fattura Elettronica verso l’estero: ecco come funziona

Ebbene fino a poco fa per gli scambi con aziende, clienti e consumatori esteri non si aveva alcun obbligo di emettere fattura elettronica. Ma dal 1 luglio 2022 molto cambia ed ecco che anche l’Esterometro sarà abolito. Una decisione prese in sede di conversione in legge del decreto fisco-lavoro n.146/2021, posticipando le previsioni della Legge di Bilancio che fissava l’abolizione al 1 gennaio 2022.

Quindi dal 1 luglio 2022 sarà obbligatorio trasmettere al Sistema di Interscambio in formato elettronico il documento relativo allo scambio. Ma quali sono le modalità giuste di farlo? Si potranno utilizzare i software a cui si è affidati fino a questo momento. Per maggiori informazioni accedere al sito fatturapro.click.

Fattura elettronica: come emetterla verso l’estero

Fino a luglio 2022 per gli scambi con l’estero era possibile decidere se emettere fattura cartacea senza passare dunque dal Sistema di Interscambio, anche se occorrerà comunque comunicare tale operazione tramite l’Esterometro. In alternativa compilare una fattura elettronica esattamente come avviene per gli scambi con aziende e con privati italiani. In tal caso, è importante inviare una copia di cortesia analogica al cliente, invece non è necessario inviare i dati all’Esterometro.

Quest’ultimo è una comunicazione che deve avvenire per via telematica e permette di riepilogare tutte le fatture emesse e ricevute con imprese e/o professionisti che operano fuori dal territorio italiano. Tutti coloro che hanno l’obbligo di inviare questa comunicazione dovranno dal 1 luglio 2022 adeguarsi all’utilizzo della fattura elettronica anche per i loro scambi con l’estero.

Si parla dunque di tutti coloro che sono titolari di Partita IVA. Sarà ancora valido l’esonero per tutti coloro che operano nel regime dei minimi o dei forfettari che fanno parte della ristretta categoria dei Piccoli produttori agricoli.

La comunicazione dell’Esterometro dovrebbe avvenire ogni 3 mesi entro e non oltre l’ultimo giorno del trimestre successivo a quello di emissione o ricezione della fattura. La e-fattura andrà quindi a rimpiazzare in tutto e per tutto la compilazione dell’Esterometro, semplificando e non di poco il lavoro. Resta comunque valida la possibilità di inviare una copia di cortesia al cliente.

Si ricorda quindi che a partire dal 1 luglio 2022 non vi sarà possibilità di scelta, si potrà procedere in maniera esclusiva con sistema di fatturazione elettronica. Insomma, per chi già si avvale del sistema della e-fattura nessuna novità.

I dati da inserire

Ci sono alcuni elementi indispensabili per la validità di una fattura elettronica destinata a un cliente estero, sia che si tratti di un’azienda che di un Privato.

  • codice destinatario: campo da compilare con “XXXXXXX”;
  • Id Paese: campo in cui viene indicato il paese del Cessionario/Committente della fattura elettronica. Occorre quindi inserire la sigla del paese estero. La sigla si compone di 2 carattere e viene espressa secondo lo standard ISO 3166-1 alpha-2 code;
  • CAP: nel caso di cliente estero si utilizzerà un valore generico 00000;
  • Id Codice e Codice Fiscale: nel campo Id Codice occorre inserire un valore alfanumenrico identificativo della controparte fino a un massimo di 28 caratteri alfanumenrici, su cui il Sistema di Interscambio non compie alcun controllo di validità. Mentre se il soggetto acquirente è il consumatore finale occorre compilare solo il campo IdCodice e lasciare vuoto il campo Codice Fiscale;
  • codici Natura IVA: per quello che riguarda le e-fatture con l’estero i codici iva possono essere: N3.1 non imponibili-esportazioni, N3.2 non imponibili-cessioni intracomunitarie, N3.3 non imponibili-cessioni verso San Marino.

L’invio della fattura elettronica

Quindi adesso che il documento è compilato non occorre far altro che inviarlo. Anche in questo caso la procedura non ha nulla di differente se confrontata con quella a cui si è già abituati. Si potrà procedere inviando la fattura in maniera regolare.

Anche nel caso di fatture per clienti esteri sarà il Sistema di Interscambio a procedere al controllo dell’esattezza delle informazioni fornite. Nel caso in cui dovesse rilevare un qualunque errore nei dati riportati sulla fattura provvederà a comunicarlo al venditore o al professionista emittente.

Quest’ultimo nei tempi previsti dalla legge potrà procedere a revisione del documento e quindi a nuovo invio. In buona sostanza è possibile affermare che quasi nulla cambia se non alcuni dati standard da inserire, dettati dalla diversità di paese.

Che cosa sono gli ETF e come fare per investire

Gli ETF, acronimo di Exchange Traded Funds, sono degli strumenti finanziari quotati nei mercati regolamentati e oggetto di compravendita. Tra le caratteristiche principali di questi fondi comuni troviamo le commissioni, molto basse, la gestione passiva e il fatto che siano studiati in modo tale da replicare le performance degli indici di riferimento. Insieme agli ETC, o Exchange Traded Commodities, e agli ETN, ossia gli Exchange Traded Notes, fanno parte degli Exchange Traded Product. Continua a leggere

Tubi solari: che cosa sono? Come si installano? Quanto costano?

Gli studi per le riduzioni del dispendio e consumo energetico, che oggi sta diventando il problema principale con risorse chimiche sempre minori, ci portano a scoprire delle nuove strutture. Le idee che sono vecchie come il mondo, sembrano essere state dimenticate.

Ora che c’è la necessità di trovare delle soluzioni alternative, ecco che si sfruttano nuovamente le energie rinnovabili, come la luce del Sole. Una delle novità del settore sono i tubi solari o tunnel solari.

A cosa servono? Dimezzano le bollette della luce, aiutano ad avere una forte illuminazione in casa e sono perfino belli da vedere. Continua a leggere

Segnali forex: come funzionano e quali sono i migliori per investire sul mercato valutario

I segnali forex rappresentano lo strumento più apprezzato nel mondo degli investimenti online, per costruire una strategia operativa sui mercati valutari. Questi dispositivi, infatti, sono ritenuti di grande utilità dai risparmiatori sprovvisti delle competenze per negoziare in autonomia i vari asset finanziari o dai risparmiatori che non possono dedicare molto tempo alla gestione del proprio portafoglio titoli in prima persona o più semplicemente da chi sente il bisogno di confrontarsi con altri soggetti attivi nel settore, che spesso sono anche professionisti della finanza. Il segnale di trading è un’indicazione contenente specifiche informazioni sulle modalità attraverso cui interagire con un determinato sottostante: tale avviso può indicare esplicitamente i livelli di prezzo su cui acquistare o vendere una coppia di valute oppure un’analisi più generale dell’oggetto della compravendita. Continua a leggere