Lyoness verità: scopriamo tutto quello che è successo e come funziona

La shopping community Lyoness rischia di dover pagare una cifra molto alta per aver utilizzato un sistema piramidale illegale, è questa la verità Lyoness. L’Agcm – Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato – aveva già sanzionato la società per questo sistema piramidale, che aveva consentito di fatto solo ai fondatori ed ai primi investitori di avere un ritorno di investimento interessante.

I nuovi investitori, invece, venivano attratti dalla possibilità di guadagnare molto con la struttura piramidale, ma raramente riuscivano a recuperare la somma versata. Molti clienti hanno deciso di denunciare il sistema ed hanno presentato degli esposti alla Guardia di Finanza di Corsico, di Bologna e di Torino, dando il via a delle indagini più approfondite: sono 241 i clienti truffati che hanno preso parte alla class-action e che chiedono un rimborso complessivo di 1.815.000 euro. Continua a leggere

Carta prepagata non pignorabile: esiste davvero? Tutto quello che c’è da sapere

Essere segnalati come cattivi pagatori o figurare nelle liste dei clienti protestati comporta un sacco di limiti. Oltre alla difficoltà di accedere a nuove linee di credito, ci si potrebbe ritrovare d’innanzi alla possibilità che i propri beni siano pignorati da una società di recupero crediti.

Il fatto che le liquidità siano custodite su una prepagata, non può in alcun modo evitare la procedura di pignoramento, dal momento che, così come accade per le carte di credito e per i conti più tradizionali, le prepagate sono strumenti nominali, cioè associate in maniera univoca al richiedente, del quale conservano dati personali e anagrafici. Tutte queste informazioni vengono inoltre archiviate nella cosiddetta Anagrafe dei conti corrente, un archivio digitale nato per combattere l’evasione fiscale, dove le banche e le società emittenti hanno l’obbligo di comunicare ogni nuova apertura. Continua a leggere