Assicurazioni casa online: quali compagnie la stipulano? Come scegliere quella giusta?

Per proteggere la propria abitazione da danni e furti, tutelare i beni e la propria famiglia, alcune compagnie offrono assicurazioni casa online. Rispetto alle classiche polizze casa, quelle online prevedono tariffe più vantaggiose.

Il premio annuo dell’assicurazione casa incide non poco sul bilancio familiare, quindi bisogna risparmiare il più possibile scegliendo con intelligenza tra le proposte online ed affidandosi a realtà solide e affidabili.

Il premio annuo dell’assicurazione non è, di certo, fisso. Per calcolarlo, bisogna considerare alcune variabili come superficie in mq, coperture richieste, ubicazione, valore dell’immobile. Si potrà ottenere un preventivo online più preciso inserendo tutte le variabili che andranno ad incidere sul costo della polizza.

Assicurazioni casa online: la scelta ideale

L’assicurazione casa è obbligatoria per chi necessita di un mutuo: senza la polizza la banca non concede il finanziamento. L’unica soluzione obbligatoria, in tal caso, è la polizza scoppio e incendio.

La casa è il bene più prezioso che abbiamo ed è importante stipulare una copertura assicurativa il più possibile completa.

Le coperture base includono eventuali emergenze domestiche (danni all’abitazione, ai beni, a terzi), assistenza in caso di emergenza, la tutela ed assistenza legale in caso di controversie.

A queste bisognerebbe aggiungere per maggior sicurezza coperture accessorie come danni causati involontariamente a terzi, furto, terremoto, danni negli spazi comuni condominiali.

L’ideale è scegliere la giusta combinazione tra garanzie complete offerte ed il miglior prezzo online.

Quali compagnie stipulano assicurazioni casa online

Il modo migliore per scoprire quali sono le compagnie che stipulano assicurazioni casa online è affidarsi a comparatori online come facile.it e segugio. Ti basterà effettuare una simulazione e confrontare i preventivi delle principali compagnie di assicurazione.

Al momento, il confronto vede come protagoniste della polizza casa online Zurich Connect, Genialloyd, Genertel, Homeflix, Axa e Reale Mutua.

Queste compagnie offrono soluzioni per coperture complete (furto, incendio, ecc.) e utili per proteggere la propria abitazione, soluzioni flessibili e personalizzate, assistenza H24.

Tra queste sei compagnie, spiccano Zurich Connect e Genialloyd.

Zurich Connect propone 2 differenti pacchetti di polizze (per il proprietario di un immobile e per chi vive in affitto) ed eventuali garanzie aggiuntive facoltative (per la casa e per la famiglia).

Genialloyd offre una polizza completamente personalizzabile in base alle proprie esigenze con la possibilità di aggiungere coperture accessorie (RC Famiglia, Cane e animali domestici,

Proprietario e Inquilino, furto e rapina, danni all’abitazione, assistenza e tutela legale). Genialloyd è l’unica compagnia che non consente di calcolare il preventivo direttamente online: è necessario richiedere una consulenza per attivare un’assicurazione casa.

Equitalia: quali sanzioni emette per chi non paga cartelle? Come rimediare?

La cartella esattoriale è un titolo esecutivo al pari di una cambiale non pagata. Chi la riceve deve dare il giusto peso a questo documento. Equitalia (l’agente della riscossione) può emettere sanzioni, in caso di mancato pagamento, per rifarsi sui beni del debitore attraverso provvedimenti come il fermo amministrativo, l’ipoteca o il pignoramento della casa (con successiva vendita coatta).

Prima di pagare, bisogna però verificare il tipo di richiesta e, se necessario, contestare quando la pretesa è ingiusta (avendo già pagato) o illegittima.

Come agire e come rimediare?

Equitalia: la rateizzazione della cartella esattoriale

Equitalia è l’agente incaricato alla riscossione coattiva di un tributo (imposte, tasse, contributi, sanzioni, ecc.) iscritta a ruolo per inadempimento da parte del debitore.

Con la cartella esattoriale si notifica al contribuente la sua posizione debitoria nei confronti dell’erario o di altri creditori (incluse maggiorazioni dovute), si intima a pagare entro un certo periodo (di solito, 60 giorni) avvertendo che, in caso di mancato pagamento, si agirà attraverso procedure esecutive (fermo amministrativo, ipoteca, pignoramento, ecc.).

Il contribuente che volesse informarsi su quanto gli viene richiesto potrà rivolgersi all’ente impositore (Agenzia delle Entrate, Comune, ecc.) in quanto Equitalia è un intermediario che si occupa soltanto della riscossione.

Il pagamento della cartella può essere effettuato entro 60 giorni dalla data di notifica oppure rateizzato (fino a 72 rate mensili con tanto di interessi) se il debitore dimostra di essere in difficoltà finanziaria. Il contribuente che intende pagare deve agire tempestivamente in quanto, una volta avviate le procedure esecutive, la successiva richiesta di rateizzazione non le sospende né impedisce che vengano attivate.

E’ altrettanto importante pagare puntualmente le rate: al contrario, il debitore dovrà pagare l’intero importo del debito in un’unica soluzione e non potrà più chiedere rateizzazioni.

Le procedure esecutive di Equitalia in caso di mancato pagamento

In caso di mancato pagamento della cartella entro 60 giorni, Equitalia può avviare le procedure esecutive più opportune per riscuotere il dovuto scegliendo tra:

– fermo amministrativo dell’auto;

– iscrizione di ipoteca sulla casa (solo per debiti superiori a 20mila euro) fino all’espropriazione forzata dopo 6 mesi  (pignoramento e vendita coatta) dei beni immobili e mobili. L’ipoteca può essere iscritta al massimo per un importo pari al doppio del debito totale. Entro 4 mesi dal pignoramento, se il debito non viene pagato, si procede alla vendita all’asta dell’immobile;

– pignoramento dei crediti presso terzi;

– istanza di fallimento del debitore o ammissione al passivo in caso di procedura fallimentare già avviata.

Con il mancato pagamento della cartella scattano ulteriori addebiti, interessi di mora del 6,8358%.

Errore di Equitalia e cartelle pazze: come rimediare

In caso di errore di persona, di calcolo o di doppia imposizione per tributo già pagato, il contribuente deve chiedere il riesame amichevole per farsi annullare o correggere la cartella. E’ possibile farlo attraverso la procedura stragiudiziale dell’Autotutela inviando all’ente creditore la richiesta con raccomandata A/R allegando documenti che dimostrano l’errore.

Il punto è che l’Autotutela non sospende il termine per fare ricorso giudiziale: passato il termine (da 30 a 60 giorni a seconda dei casi) non si potrà più presentare il ricorso.

Equitalia consente al debitore di ottenere la sospensione della procedura esecutiva in casi specifici da dichiarare con autocertificazione. Concede questa chance se il tributo è già stato pagato, se l’atto di riscossione è stato sospeso in un procedimento giudiziale o dall’ente creditore oppure se l’atto è stato sgravato dopo aver presentato istanza di Autotutela. L’istanza, in questo caso, va presentata direttamente a Equitalia.

Revoca Pin Inps: di che cosa si tratta?

Il codice PIN Inps permette di accedere ad una serie di servizi telematici erogati dall’istituto previdenziale tramite il suo portale ufficiale. Nel caso in cui l’utente smarrisca il proprio codice sarà necessari richiedere delle nuove credenziali: per farlo deve innanzi tutto richiedere la revoca del Pin Insp. Vediamo di cosa si tratta e qual è la procedura da seguire. Continua a leggere

Passaggio proprietà moto: come fare, requisiti e costi

Quando si acquista una moto usata è necessario seguire una serie di fasi e procurarsi tutti i documenti necessari per completare il passaggio di proprietà. La procedura da intraprendere è diversa a seconda della cilindrata: la trafile previsa per il passaggio di proprietà di un ciclomotore con cilindrata inferiore ai 50 cc è differente da quella prevista per il passaggio di proprietà di moto con cilindrate maggiori, Vediamo come fare, quali documenti servono, quali requisiti sono necessari e quali sono i costi dell’intera operazione. Continua a leggere