Broker di trading online: pagare o non pagare le commissioni?

Una volta dato il via ad una attività di trading di qualunque genere, i trader pensano principalmente a come farla fruttare in modo positivo seguendo trend e prezzi che il mercato offre. Sebbene ciò sia giusto, non va sottovalutata la scelta di un possibile broker che, in virtù della sua esperienza, sappia consigliare il miglior modo per investire in questa o in quell’altra area senza eccessivi rischi. Come in tutti gli ambiti, però, ce ne sono di eccezionali e di pessimi in base alle varie caratteristiche in loro possesso più o meno vantaggiose.

Un aspetto spesso trascurato è quello delle commissioni richieste per svolgere un’attività di intermediazione. In linea di massima, le società di brokeraggio sono delle entità private che mirano ad ottenere un profitto; questa visione economica e professionale diventa problematica nel momento in cui i canali per pervenire ad un simile obiettivo appaiono incerti o poco trasparenti. E’ il caso del trading online, dove i broker di oggi non possono affatto applicare le commissioni di circa 15 anni fa poiché sconvenienti e fuori dagli attuali strumenti e parametri conoscitivi del trader medio, che nel frattempo non è rimasto con le mani in mano e si è documentato, in maniera approfondita, su tutto quello che ruota attorno a quel settore.

Ecco perché, a ragion di causa, occorre scegliere quelle società di broker totalmente gratuite, il cui guadagno emerge applicando un piccolo spread tra il prezzo a cui è possibile comprare e il prezzo a cui è possibile vendere. Inoltre, da parte loro c’è sempre la garanzia di una buona liquidità da investire sul mercato.