Come e quando iniziare a investire in Borsa?

Investire i propri soldi non è altro che un modo per incrementare i guadagni. Dalla maggiore età alla pensione, una persona è libera di investire in borsa le proprie liquidità, vagliando i mercati e i prodotti finanziari più convenienti.

In un’ottica di profitto a lungo termine, prima si inizia a investire e meglio è. Il motivo è semplice: più tempo si mantiene il denaro investito, più tempo si ha a disposizione per capitalizzarlo. L’investitore che decide di acquistare delle azioni con valore piuttosto stabile a vent’anni, avrà maggiori possibilità di vedere un grande ritorno complessivo al momento del ritiro del denaro.

Indubbiamente bisognerà essere abbastanza disciplinati da tenere fermi i soldi guadagnati con le prime operazioni finanziarie, in maniera tale da poter continuare a far crescere il proprio capitale. L’investitore con esperienza, usa il denaro per acquistare beni e servizi quotati su mercati che presentino un potenziale per un rendimento cospicuo e tendenzialmente a basso rischio.

In quest’ottica è possibile investire nel mercato immobiliare o nei prodotti finanziari. Questi ultimi si configurano come la soluzione più semplice e alla portata di tutti, poiché:

  1. Non esigono capitale iniziale consistente;
  2. Non richiedono conoscenze economico-finanziarie approfondite;
  3. Non presentano, solitamente, costi di commissione sul capitale depositato o sulle transazioni;
  4. Possono essere fatti da casa utilizzando il personal computer.

Quello che l’investitore dovrà fare, sarà scegliere il giusto intermediario finanziario tramite cui operare.

Gli intermediari finanziari

Per intermediario finanziario si intende un istituto che funge da intermediario tra due parti per facilitare una transazione finanziaria. Gli istituti che vengono comunemente chiamati intermediari finanziari sono gli istituti di credito, gli enti finanziari e le società di brokeraggio.

In parole semplici si tratta di aziende che fanno leva sulla loro esperienza nel settore e su una variegata offerta di portafogli di investimento, per trovare i collocamenti giusti che massimizzino i rendimenti della propria clientela e riducano il rischio.

Gli investimenti possono essere fatti su azioni, obbligazioni, titoli, derivati e via dicendo. Alcuni intermediari, oltre a gestire i fondi dei clienti, forniscono consulenza finanziaria. Nel caso delle società di brokeraggio, molto usate nel trading online come spiegato su italiatradingonline.it, oltre a eseguire gli ordini dei clienti forniscono ricerche, piani di investimento e informazioni di mercato.

I broker come Etoro, ad esempio, mettono al servizio piattaforme per il trading online che permettono di operare in borsa riproducendo le strategie degli investitori più esperti. Effettuando una veloce ricerca nel web, è possibile leggere su Etoro opinioni, così come cercare altri intermediari finanziari che facciano al proprio caso.

Alcuni consigli pratici

Prima di iniziare a investire in qualsiasi tipo di attività e con qualsiasi broker, è necessario assicurarsi che la propria situazione finanziaria complessiva sia stabile e non presenti crediti in sospeso. Inoltre bisogna poter avere una liquidità tale che permetta di effettuare un investimento senza rimanere privi di soldi per pagare le spese della vita quotidiana.

Mettere da parte dei risparmi è fondamentale per poter investire in tutta serenità. Una riserva di contanti, pari ad almeno tre mesi di spese di vita, dovrebbe essere il minimo. Lo scopo della riserva di liquidità è duplice: agire come fondo di emergenza in caso di temporanea interruzione del reddito, fare da paracadute economico nel caso in cui gli investimenti dovessero subire un’improvvisa caduta.

Verificata la propria disponibilità, quando si decide di investire il denaro nei prodotti finanziari bisogna farlo organizzando una strategia operativa. Tale strategia sarà utile a limitare le perdite e a massimizzare i guadagni.

Infine non bisogna scordare il ruolo fondamentale che giocano le emozioni sull’agire umano, e imparare ad avere un ottimo self control, così da non prendere decisioni poco ragionate che potrebbero mettere a rischio l’intero investimento.